GHIRONDA WINTER FESTIVAL 2015

Dalle nuove frontiere sonore di Ludovico Einaudi al travolgente humor musicale della Banda Osiris, sino al gospel tradizionale di due formazioni americane provenienti da New Orleans e New York. Il Ghironda Winter Festival, organizzato da Idea Show, torna dal 29 novembre al 25 dicembre con una serie di proposte artistiche di primo piano e una programmazione itinerante che, dopo il concerto inaugurale di Lecce, tocca Taranto, Monopoli e Ostuni. Tappe di un’edizione prestigiosa che si preannuncia ricca di emozioni.

Il 29 novembre, al Teatro Politeama Greco di Lecce (biglietti già esauriti da settimane), per lo «special event» del Ghironda Winter Festival 2015, il pianista e compositore Ludovico Einaudi presenta (in esclusiva regionale) il nuovo album Elements, un disco nato dal desiderio di indagare nuove frontiere. Le stesse che il Ghironda Winter Festival continua ad esplorare con il suo progetto artistico, sempre molto attento alla multietnicità. Esattamente l’universo cui Einaudi riconduce la propria ricerca, innestando nella tradizione colta ritmi e sonorità del mondo, soprattutto africano.

Quindi, il 12 dicembre, al Teatro TaTà di Taranto, sarà di scena la Banda Osiris. Gianluigi e Roberto Carlone, Giancarlo Macrì e Sandro Berti festeggeranno 35 anni di attività e di successi, anche televisivi, raggiunti con la trasmissione di Serena Dandini «Parla con me». E nella città bimare, dove la Ghironda ritorna grazie alla sensibilità di Giovanni Guarino e del Crest, presentano il travolgente e dissacrante spettacolo «Le dolenti note», un viaggio musical-teatrale ai confini della realtà sul mestiere stesso del musicista.

A seguire, il 19 dicembre, nella Chiesa Madre di Monopoli, la Ghironda, grazie al main sponsor Fratelli Lapietra, presenta il concerto dei J.C. New Orleans Gospel Singers, formazione di sei musicisti nata nel 1988 da un'idea di Jerome Clark e Kelroy Price, personaggi molto conosciuti nell'ambiente gospel della Louisiana, cui si richiama lo stile della loro musica, fresca e originale, dinamica e coinvolgente, com’è nella tradizione del gospel del Sud degli Stati Uniti, intriso di gioia e spiritualità.

Quindi, lo speciale concerto di Natale, il 25 dicembre, nella Cattedrale di Ostuni, dove saranno di scena The Harlem Voices. Cantano e ballano, per cui, ascoltarli è una delizia, vederli è un piacere. E come dice il nome stesso, provengono dal più celebre quartiere afro-americano di New York. Il gruppo, formato da sette elementi, è guidato dal pastore Eric Turner, potente voce soul e presenza fisica di grande impatto scenico.

 

 

Le Dolenti Note

Banda Osiris

Sabato 12 dicembre

Teatro TaTà

Taranto

Biglietti 16 euro

«Gruppo rock cerca batterista: no perditempo». Facile avere la battuta pronta quando si è musicisti, dopo una vita passata a leggere note tra una stanghetta e l’altra. Lo spazio di una battuta, per l’appunto, anche se musicale. Che diventa humor allo stato puro quando di mezzo c’è la Banda Osiris, ossia Gianluigi e Roberto Carlone, Giancarlo Macrì e Sandro Berti. Nel 2015 stanno festeggiando 35 anni di attività e di successi, anche televisivi, raggiunti con la trasmissione di Serena Dandini «Parla con me». E in Puglia arrivano per celebrare l’importante traguardo con lo spettacolo «Le dolenti note», il 12 dicembre al Teatro Tatà di Taranto, ospiti del Ghironda Winter Festival promosso e organizzato da Idea Show (biglietti 16 euro).

«Le dolenti note» è ispirato all’omonimo libro pubblicato dai quattro componenti della Banda Osiris, che in questo spettacolo trasforma un insieme di pagine scritte in un viaggio musical-teatrale ai confini della realtà. Così, dopo essersi addentrata in modo irreverente nei meandri del complesso universo delle sette note, aver abbattuto i rigidi accademismi e le barriere dei generi musicali, intrecciando, tagliando e cucendo musica classica e leggera, jazz e rock, il furore dissacratore della Banda Osiris si concentra sul mestiere stesso di musicista. Attraverso musica composta e scomposta, musica da camera e da balcone, Beatles e Vasco Rossi, la Banda Osiris tratteggia il ritratto impietoso della figura del musicista: presuntuoso, permaloso, sfortunato, odiato, e, raramente, amato, divertendosi a elargire provocatori consigli: dal perché è meglio evitare di diventare musicisti a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica, da quali siano gli strumenti musicali da non suonare a come eliminare i musicisti più insopportabili.

 

Per lo spettacolo della Banda Osiris, info 080.430.11.50 (Ghironda Winter Festival) e 099.470.79.48 (Teatro TaTà).

 

J.C. New Orleans Gospel Singers

Sabato 19 dicembre, ore 20.30

Cattedrale Madonna della Madia

Monopoli

Ingresso libero

Il Ghironda Winter Festival torna a Monopoli, dove si ripete per il secondo anno consecutivo la felice collaborazione tra Idea Show e i Fratelli Lapietra, main sponsor del concerto che i J.C. New Orleans Gospel Singers terranno sabato 19 dicembre nella Cattedrale Madonna della Madia (ore 20.30, ingresso libero).

Dopo lo splendido appuntamento del 2014 con Mike McCoy e il suo Voices United Gospel, a Monopoli arriva, dunque, un’altra formazione statunitense di primo piano nel panorama della tradizione afro-americana, con Capriece Marie Sanders (voce), Janet Williams (voce), Lucain Randolph (voce, chitarra e batteria) e Andre Randolph (tastiere) guidati dal leader Kelroy Price (voce), nel 1988 fondatore dei J.C. New Orleans Gospel Singers insieme a Jerome Clark, con cui Price forma una coppia molto conosciuta nell'ambiente gospel della Louisiana, cui si richiama lo stile della loro musica, fresca e originale, dinamica e coinvolgente, com’è nella tradizione del gospel del Sud degli Stati Uniti, intriso di gioia e spiritualità.

Il primo album dei J.C. New Orleans Gospel Singers, «Stand Up», risale al 1997, seguito cinque anni dopo da «If You Confess». Inoltre, dal 1998 il gruppo tiene tournée in tutto il mondo, Europa inclusa, dove si esibisce regolarmente ogni anno, in particolare in Spagna, Italia, Francia e Germania. Naturalmente, parte dell’attività dei J.C. New Orleans Gospel Singers è concentrata negli Stati Uniti, dove l’ensemble ha suonato e cantato in molti importanti luoghi di culto, sale da concerto e manifestazioni di prestigio, tra cui la Preservation Hall, The House of Blues, il Tipitina’s di New Orleans, il City Park’s Celebration in The Oaks, il New Orle­ans Jazz & Heritage Festival e il French Quarter Festival, oltre ad aver condiviso il palco con alcuni tra i più famosi gruppi gospel, dai Keynotes ai Jackson Southernaires, dai Christianaires al Joyful & the Spirit of New Orleans Choir.

 

Info www.laghironda.it +39.080.430.11.50+39.080.430.11.50

 

The Harlem Voices

Venerdì 25 dicembre, ore 19.30

Cattedrale

Ostuni

Ingresso libero

Arrivano direttamente da New York The Harlem Voices, le voci di Harlem protagoniste per la IX edizione del Ghironda Winter Festival, organizzato da Idea Show, dello speciale concerto di Natale, in programma il 25 dicembre nella Cattedrale di Ostuni (ore 19.30, ingesso libero).

I sette elementi del gruppo sono guidati dal pastore Eric Turner, potente voce soul e presenza fisica di grande impatto scenico, nonché esponente di punta degli Shadows of 60’s, una super band che celebra i gruppi della Motown, dai Temptations alle Supreme. I componenti degli Harlem Voices cantano e ballano, per cui, non solo ascoltarli è una delizia, ma vederli è un piacere. E come dice il nome stesso, provengono dal celebre quartiere afro-americano di New York, dove la domenica mattina le messe iniziano alle undici e le black ladies sfoggiano un look elegante per l’appuntamento con la devozione, tra esplosioni di fede e musiche che trascinano l’uditorio in una frenesia collettiva, capace di incendiare le anime e trasformare la funzione in un vero e proprio spettacolo.

Nati dagli Harlem Messengers, gli Harlem Voices, non amano essere etichettati, né essere rinchiusi dentro confini prestabiliti. La formazione newyorchese è, infatti, portata a dilatare le frontiere del gospel sino a sconfinare nel r’n’b, nel soul e nel funky. D’altro canto il gospel, meno liturgico dello spiritual ma ugualmente «ecclesiastico», ha rappresentato non solo l’anticamera del blues, ma anche la radice del rhythm and blues e, di conseguenza, del rock’n’roll. Non a caso, tutti i membri degli Harlem Voices hanno almeno vent’anni di esperienza nel mondo della live music accanto a prestigiosi gruppi e artisti gospel, soul e rock, da Mariah Carey a Shakira sino agli U2 di Bono Vox, senza contare le tournée in tutto il mondo tenute con gli Harlem Messengers.

 

Info www.laghironda.it +39.080.430.11.50+39.080.430.11.50

Idea Show | Idee ed artisti per eventi

next-live
collabora-con-noi
La Vitosa

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni. Accetto i cookie da questo sito.